Condividi su:
15 Marzo 2024
  • • Daily ABA

L’antica Biblioteca Lancisiana in un video dell’Università La Sapienza di Roma, con Dalma Frascarelli. Un progetto di Terza Missione del Mur

15 Marzo 2024
  • • Daily ABA

Il video dedicato alla Biblioteca Lancisiana, è parte di Secret Baroque, un progetto di Terza missione di Sapienza Università di Roma (responsabile Alessia Ceccarelli, 2021-2023), che ha coinvolto Dalma Frascarelli, professoressa di Storia dell’Arte Moderna dell’Accademia di Belle Arti di Roma, chiamata a collaborare come curatrice scientifica dei contenuti del video.

La Biblioteca Lancisiana, sita nel Complesso Monumentale dell’Ospedale di S. Spirito in Saxia, è una delle prime biblioteche pubbliche italiane dedicate alle discipline mediche, nata per volontà di Giovanni Maria Lancisi (Roma, 1654 – 1720), maestro di medicina presso la ‘Sapienza’ e archiatra pontificio, che fondò un innovativo centro di eccellenza in campo medico. Nel 1711 donò al Santo Spirito la propria raccolta libraria come atto costitutivo della biblioteca inaugurata il 21 maggio 1714 e nell’anno successivo fondò un’accademia filosofico-medica. Biblioteca e accademia costituivano una sorta di laboratorio di ricerca secondo una visione assolutamente moderna della medicina.
La Lancisiana costituisce ancora oggi un luogo fondamentale per chi si occupa di storia della medicina, ma anche, più in generale, di storia e cultura dell’ancien régime.

La Terza Missione affianca le due principali funzioni di Università e Istituzioni AFAM -formazione e ricerca- con l’obiettivo di diffondere i risultati delle indagini al di fuori del contesto accademico, promuovendo lo sviluppo sociale e culturale. Attraverso le attività di Terza Missione l’Accademia di Belle Arti di Roma intende valorizzare la ricchezza delle sue competenze multidisciplinari, artistiche, culturali, scientifiche e tecnologiche, creando rapporti di collaborazione nell’ambito del contesto ambientale in cui opera, all’interno di un progetto che mira alla crescita di una società aperta, inclusiva e sostenibile.

 

Guarda il video

 

Articolo di Chiara Picco e Marianna Pontillo

Potrebbe interessarti anche: