Villa, Giuditta

Insegnamento: Storia dell’Arte

Nata a Roma nel 1959,si laurea con 110 e lode nel 1983 presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”,con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea sulla pittrice Romaine Brooks.Nel 1985 pubblica il carteggio inedito di Romaine Brooks e Gabriele D’Annunzio sulla rivista di confronti letterari italo-francesi “Micromegas” edita da “La Sapienza”.Nel 1987 viene invitata dal Musèe Sainte-Croix di Poitiers a partecipare al comitato scientifico della mostra antologica “Romaine Brooks (1874-1970)”. Dal 1989 è in servizio presso l’Accademia di Belle Arti,ha insegnato a Torino,Firenze,l’Aquila e dal 1999 insegna a Roma. Collaborazioni al “Bollettino d’Arte” del Ministero dei Beni Culturali e all’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.Critico d’arte e curatrice di numerose mostre,è iscritta all’Albo dell’Ordine dei Giornalisti come pubblicista dal 1992. Nel 2004 ha conseguito presso l’Università degli Studi “Roma Tre” un Master Universitario in “Politiche dell’Incontro e Mediazione Culturale”. Studia Lingua e Cultura Araba presso il Centro Islamico Culturale d’Italia con sede a Roma. Ha effettuato numerosi viaggi di studio e di ricerca in Africa (Niger,Mali,Senegal,Costa d’Avorio) e nel Medio Oriente (Siria,Giordania e Libano).

 

 

 

PROGRAMMA DIDATTICO

Anno Accademico 2015/2016

 

STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA (Triennio,Biennio)

“Esotismo” e “Primitivismo” nell’arte fra ‘800 e ‘900.

Il corso comprende lezioni frontali ed eventuali appuntamenti esterni da concordare periodicamente in base alle mostre e gli eventi artistici presenti in città.

Il corso è corredato da dispense a disposizione degli studenti,indicazioni bibliografiche e testi consigliati sono solitamente indicati durante le lezioni.

Bibliografia di riferimento:

E.W.Said,Orientalismo,Feltrinelli,1999

F.Arzeni,L’immagine e il segno:il giapponismo nella cultura europea tra ‘800 e ‘900,Il Mulino,1987

G.Pasqualotto,L’estetica del vuoto.Arte e meditazione nelle culture d’Oriente,Marsilio,1992

J.Clifford,I frutti puri  impazziscono.Etnografia,letteratura e arte nel secolo XX,Bollati Boringhieri,1993

S.Price,I primitivi traditi,Einaudi,1992

M.G.Messina,Le muse d’oltremare.Esotismo e primitivismo dell’arte contemporanea,Einaudi,1993

 

 

STORIA DELL’ARTE MEDIEVALE (Triennio,Biennio)

 Il Medioevo cristiano e il trattamento dell’  “Alterità”.Iconografie del fantastico e del mostruoso.

Gli Arabi e l’Europa nel Medioevo.

Oltre alle dispense del corso,per ulteriori riferimenti bibliografici si rimanda ai numerosi ed illuminanti testi di Jacques Le Goff.

Bibliografia consigliata:

J.Baltrusaitis,Il  Medioevo fantastico,Mondadori,1972

U.Eco,Arte e bellezza nell’estetica medievale,Bompiani,1987

M.Pastoreau,Medioevo simbolico,Laterza,2007

A.Brilli,Gerusalemme,La Mecca,Roma.Storie di pellegrinaggi e di pellegrini,Il Mulino,2014

 

 

ETICA DELLA COMUNICAZIONE

Questa disciplina consiste nel mettere sotto una “lente d’ingrandimento” comportamenti e questioni etiche inerenti la comunicazione nella prassi linguistica e non solo.

L’Etica della Comunicazione ha ricevuto un forte impulso negli ultimi due decenni a partire dai fondamentali saggi di K.O.Apel,Etica della comunicazione,Jaca Book,1992; K.O.Apel,Discorso,verità,responsabilità,Guerrini,1997 e di J.Habermas,Etica della comunicazione,Laterza,1997.

In particolare,un’etica della comunicazione,nasce dal bisogno di affrontare i problemi legati alla globalizzazione,direttamente collegati all’accettazione o meno delle “diversità”.

Nelle dispense del corso è indicata una dettagliata e comunque vasta bibliografia individuata per aree tematiche.