Passa, Chiara

From “Inside Geometry Double Language: Area Between Curves” MAXXI Museo, 2017

Chiara Passa è un’artista visiva (e docente) che lavora e ricerca nell’ambito della media art dal 1997. Le sue opere indagano lo spazio in tutte le sue estensioni e forme attraverso animazioni, opere basate sul web, installazioni interattive, e progetti di realtà aumentata e virtuale. La sua ricerca artistica diventa strumento creativo e punto di osservazione da dove analizzare lo spazio (architettonico e informatico) nelle sue diverse sfaccettature, oltre la dimensione fisica. Il suo lavoro è stato presentato in ambito internazionale in festival, conferenze e istituzioni.

Selected shows
Full CV statement

Insegnamenti:
Digital Video e Applicazioni Digitali per l’Arte
c.passa@abaroma.it

Programma “Digital Video” per Triennio Arti Multimediali e Tecnologiche, Prof. Chiara Passa

Il programma si sviluppa contemporaneamente attraverso due fasi. La fase teorica è rivolta alla conoscenza storico-artistica e approfondisce lo studio dell’animazione e del video nelle arti multimediali, sia nella sua forma di diffusione offline (legata a mezzi come TV, computer e monitor vari) che online.
Lo studio del video online si focalizza sulla narrazione non lineare e interattiva, dove l’animazione e il video sono necessariamente connessi e trasmessi via internet. Il programma di “Digital Video” tratta artisti, opere e movimenti nazionali e internazionali dell’ultimo ventennio, ed è accompagnato da lezioni teorico-esplicative, proiezioni e aggiornatissime ricerche sulle ultime opere video e relativi protagonisti. Nella fase pratica più ampia, si dà la possibilità agli studenti di frequentare un laboratorio multimediale attrezzato per la progettazione video, dove potranno apprendere il software: Adobe After Effects. Tale software è utile per ideare, progettare e editare animazioni digitali (anche in 3D), video, effetti speciali, cartoons, video-clip musicali e molto altro.

Nell’esame finale (previa revisione preliminare) verranno valutate le opere video, nonché l’esperienza svolta all’interno del laboratorio multimediale, o realizzata autonomamente dallo studente mediante apparecchiature proprie. Sarà inoltre valutata la conoscenza delle dispense da me fornite durante il corso.

Bibliografia:
Lev Manovich, Il linguaggio dei nuovi media. Edizioni Olivares, 2002.
Manuale software: After Effects.

Bibliografia consiglia:
Andrea Balzola e Anna Maria Monteverdi, Le arti multimediali digitali. Storia, tecniche, linguaggi, etiche ed estetiche del nuovo millennio. Edizioni Garzanti 2004.
Lev Manovich, After Effects, or Velvet Revolution, 2007 PDF http://manovich.net/index.php/projects/after-effects-part-1 http://manovich.net/index.php/projects/after-effects-part-2
Lev Manovich, Theories of Software Culture. Edizioni Olivares, 2010.
Christiane Paul, A Companion to Digital Art. Edizioni Blackwell, 2016.

Programma “Applicazioni Digitali per le Arti visive” per Triennio Arti Multimediali e Tecnologiche, Prof. Chiara Passa

Il corso è finalizzato alla produzione di opere d’arte multimediali attraverso due tecnologie: Realtà Aumentata e Realtà Virtuale. Il programma prevede lo studio teorico degli artisti (dai pionieri ad oggi) che hanno utilizzato tali tecnologie in maniera creativa e innovativa nel campo delle arti.
Tale corso è rivolto a futuri artisti e creativi ad ampio raggio che desiderano utilizzare le Realtà Miste e immersive come strumento comunicativo. Il programma mira a far acquisire agli studenti competenze pratiche e teoriche sull’arte virtuale, partendo proprio con una serie di lezioni teoriche su artisti e contesto storico in relazione all’arte immersiva. Il corso prosegue con una serie di lezioni pratiche su software pro VR e AR (Unity, Element 3D), al fine di ottenere App native VR per Oculus Rift o Quest, e App AR per tablet e smartphone. Inoltre, il corso prevede la creazione di un’opera di Realtà Virtuale anche per il web utilizzando Mozilla Hubs.
Il programma include l’apprendimento di tecniche di ripresa a 360° ed esercitazioni al computer proposte dal docente ed elaborate dagli studenti in relazione alla programmazione prevista per le attività didattiche.

Nell’esame finale (previa revisione preliminare) verranno valutate le opere multimediali AR e VR e l’esperienza svolta all’interno del laboratorio multimediale, o realizzata autonomamente dallo studente mediante apparecchiature proprie. Sarà inoltre valutata la conoscenza delle dispense fornite durante il corso.

Bbliografia:
Oliver Grau, Virtual Art: From Illusion to Immersion. Edizioni MIT Press, 2002.

Bibliografia consigliata:
Jaron Lanier, Dawn of the New Everything: Encounters with Reality and Virtual Reality. Edizioni Henry Holt & Co, 2017.
Simone Arcagni, Immersi nel futuro – La realtà virtuale, nuova frontiera del cinema e della TV. Edizioni University Press Palermo, 2020.
Vladimir Geroimenko, Augmented Reality Art. Edizioni Springer 2014.