Pace, Roberto

Anno Accademico 2019/2020 – Dipartimento arti visive – Indirizzo Grafica d’Arte

Prof. Roberto Pace

Grafica d’Arte – biennio

Martedì – aula 1 – annuale

9-11:30            Tecniche e tecnologie della stampa digitale (triennio-III°)

11:30-17          Grafica d’Arte (Biennio I° + II°)

*Ricevimento annuale un venerdì al mese: 12/15

pace.roberto@fastwebnet.it

 

________________________________________________________________________________

 

laboratorio di stampa digitale: premessa.

La stampa digitale è l’ultima arrivata nella secolare storia della grafica e permette di riconsiderare la produzione d’immagini stampate in ambito artistico trovando inediti rapporti fra tradizione e modernità.

La fotografia è lo standard visivo condiviso da tutti noi; non tratteremo aspetti tecnici specifici ma sarà evidenziato il suo ruolo di filtro della percezione, diventato, a tutti gli effetti, il nostro modo naturale di vedere.

Il laboratorio non prevede solo l’aggiornamento tecnico, ma intende accrescere le possibilità offerte dalle ultime tecnologie, grazie a lezioni strutturate come eventi didattici, atti a sviluppare una nuova sensibilità creativa, filtrata dalla fotografia e operante attraverso la creazione di matrici digitali.

In questo momento la stampa digitale ha sostituito quella analogica per i fotografi, l’editoria e le molteplici esigenze produttive e comunicative veicolate da immagini.

In passato le tecniche che permettevano la riproduzione dell’immagine richiedevano tempi lunghi di maturazione perchè diventassero utilizzabili per scopi espressivi; oggi possiamo immediatamente sottrarre le nuove tecnologie all’uso commerciale e usarle in modo visionario.

Otterremmo questo in due modi: confrontando la tecnologia con la natura concettuale che connota l’arte contemporanea in modo da ripensarne l’utilizzo e sposando l’aspetto caratteristico della cultura visiva italiana, che possiamo descrivere come una condizione unica di continuità con il passato.

Condizione che il termine “rinascimento” ha fissato come capacità di pensare il nuovo non in opposizione all’antico, ma riconoscendo nella possibilità infinita di rinnovarsi il cuore della tradizione.

La stampa digitale è il punto d’incontro e scambio tra analogico e digitale, tra astrazione e iperrealismo; è l’inizio di una rinnovata sensibilità che fonde gli opposti nel sottile strato di pigmenti high-tech e li rilancia come forme seminali.

La superficie stampata con il procedimento digitale, sarà indagata in concreto nel laboratorio e messa a confronto con la prassi storica nell’invenzione dell’immagine, individuata come habitat ideale dell’Arte.

Saranno utilizzate delle stampanti epson inkjet, plotter UV, stampe di grande formato e tecniche analogiche ripensate secondo questi nuovi obiettivi.

 

GRAFICA D’ARTE (biennio)

Il corso di indirizzo comprende due moduli di 6 CF (orario 11:30-17) articolati nel primo e nel secondo semestre, separatamente per il I° e II° anno del biennio, in aggiunta a quelli tenuti dal prof. Lelario a completamento dei 12 CF del corso di indirizzo grafica d’Arte

Nella prima metà di ogni semestre si concentrano le lezioni tecnico/teoriche, mentre nella seconda ogni iscritto sviluppa il suo progetto personale.

Il nostro ambiente laboratoriale si fonda sul dialogo tra manuale e virtuale, tra analogico e digitale.

La tecnica è vista come generatrice di contenuti; questo significa che le idee sono filtrate da tecniche messe a punto per potenziarne gli effetti.

Al centro della nostra pratica è l’aggiornamento delle tecniche di photoshop e di quelle analogiche verso un loro uso concettualizzato e, in parallelo, la creazione di un book lavori per ogni allievo che possieda una qualità professionale.

Il metodo didattico praticato usa la triangolazione docente + allievo + avatar: gli avatar sono artisti contemporanei utilizzati come arricchimento della propria creatività.

Stamperemo con le nostre stampanti inkjet su carte professionali nei formati A4 e A3, useremo il torchio per le sperimentazioni analogiche e supporti e tecnologie industriali presso server esterni.

Le lezioni sono anticipate via mail e sviluppate in aula ogni settimana.

 

TECNICHE E TECNOLOGIE DELLA STAMPA DIGITALE (triennio)

Il corso è annuale e si articola nei due semestri; nel primo si concentrano le lezioni tecniche mentre nel secondo ogni iscritto sviluppa progetti personali.

Lavoreremo sulla tecnologia recente per creare matrici utilizzando Photoshop, come sul recupero della scansione elettronica che si situa a metà strada tra digitale ed analogico ma, soprattutto, al centro del nostro lavoro nel laboratorio rimane la stampa su carta.

Concentreremo l’attenzione su alcuni procedimenti, selezionati e ripensati, del digitale e dell’analogico scelti per le loro potenzialità, ponendo attenzione soprattutto alle qualità visive e tattili della stampa, in relazione alla costruzione di immagini efficaci che integrino le competenze tecniche con dei contenuti ben sviluppati e il raggiungimento di obbiettivi messi a fuoco attraverso il dialogo in aula.

In particolare sarà messa in risalto la qualità vellutata della stampa a getto d’inchiostro su carte opache Epson, la possibilità di simulazione materica attraverso l’uso dello scanner e l’uso creativo della stampa a pressione ottenibile con il torchio calcografico.

Le lezioni sono anticipate via mail e sviluppate in aula ogni settimana.

_______________________________________________________________________________________________________________________

È necessario avere un indirizzo e-mail valido e funzionante con il quale saranno comunicati tutti gli aggiornamenti sulle lezioni (l’iscrizione deve essere convalidata su isidata).

ISCRIZIONE AI CORSI

Colloquio con il docente.

Presentazione di un portfolio: la cartella lavori comprende una scelta dei lavori migliori realizzati durante il triennio e lavori personali. Portare gli originali più una documentazione fotografica.

(da fotografare singolarmente o tutti insieme, anche attraverso uno smartphone, con luce naturale).

 

 

IMPOSTAZIONE TECNICA

Indispensabile avere:

 

– un pc portatile, con il quale si lavorerà in aula

 

– collegamento Wi-Fi ACCADEMIA

(per connettersi utilizzare username e password di accesso a isidata)

 

– Photoshop; ogni tipo di versione.

impostazione file: formato psd, risoluzione 300 dpi, metodo colore RGB, profilo colore adobe

RGB 1998.

 

– driver stampante EPSON XP-620 da scaricare:

https://epson.com/Support/Printers/All-In-Ones/XP-Series/Epson-XP-620/s/SPT_C11CE01201

 

 

ACQUISTO CARTA DA STAMPA

 

– PRINT4LIFE carta opaca 165 g (economica) A4, (acquisto on-line)

– EPSON ARCHIVAL MATTE PAPER 50 fogli 192 g A4 – per definitivi

– EPSON PHOTOQUALITY INKJET PAPER 100 fogli 102g A4 – per prove

 

 

Bibliografia:
*La lista di volumi sottostante traccia un panorama ampio di cultura contemporanea cui il corso fa riferimento. In alcuni casi può esserne consigliato l’acquisto. Per mia abitudine i testi di supporto alle lezioni sono disponibili in pdf per il download. I volumi esauriti sono consultabili su richiesta o in aula.

........................................................................................................................

Angela Duckworth “GRINTA, il potere della passione e della perseveranza”, Giunti, 2017
* Insieme al testo precedente (D.Coyle) un manuale non tecnico o artistico ma fondamentale rispetto al lavoro da svolgere rispetto a se stessi per lavorare in modo autenticamente creativo.

Daniel Coyle “Piccolo manuale del talento – avere successo in 52 mosse”, Rizzoli Etas, 2013
* Il titolo originale è “piccolo manuale del talento, come migliorare le tue abilità”, non il successo dunque ma l’abilità, il saper fare veramente al posto del voto alto. Per mettersi in crisi positivamente.

Jeff Schewe “La stampa digitale – come preparare immagini in lightroom e photoshop per stampe di alta qualità” , Pearson 2014
* Un manuale esaustivo per la stampa fine art.

David Bate “Il primo libro di fotografia (nuova edizione ampliata)”, Einaudi 1988/2017.
*Un saggio sulla fotografia, brillante e innovativo rispetto ad altri testi, riguardo la tecnica di riferimento per il lavoro sulle immagini che facciamo. Nella nuova edizione capitoli importanti sulla fotografia digitale.

Giuliana Bruno “Superfici, a proposito di estetica. materialità e media”, Johan Levi, 2016.
*Saggio sulla visione che si fa tattile nel cinema e negli artisti contemporanei.

Tommaso Labranca “Vraghinaroda; viaggio allucinante tra creatori, mediatori e fruitori dell’arte”, 20090, 2016.
*Un viaggio ironico nell’habitat artistico attuale.

Brian O’Doherty, “ Inside the white cube”, johan Levi, 2012
* Il testo classico da cui partire quando si pensa ad allestire una mostra oggi.

Nicolos Bourriaud,“Estetica relazionale”, postmediabooks, 2010
*un testo famoso che spiega nuovi canoni formali, procedurali e contenutistici nell’arte degli ultimi 20 anni.

Charlotte Cotton, “la fotografia come arte contemporanea”, PBE Einaudi, 2010.*La fotografia è diventata una delle tecniche di base per l’Artista contemporaneo.

Gian Piero Brunetta, “Il viaggio dell’iconauta. dalla camera oscura di leonardo alla luce dei lumiere”, Marsilio, 2009
* La storia del passaggio dall’immagine statica a quella dinamica che ha preceduto il cinema.

Germano Celant, “ Artmix – flussi tra Arte, architettura, cinema, design,moda, musica e televisione”, Feltrinelli, 2008.
* Nell’Arte contemporanea l’uso e il passaggio attraverso tutte le tecniche è diventato fondamentale, e soprattutto necessario, per esprimere compiutamente la propria creatività.

Domenico Liggeri, “ Musica per i nostri occhi-storia e segreti del videoclip”, Bompiani, 2007.
* Cinema + musica + brevità + diffusione. Un esempio di creazione sinergica e popolare.

Gabriella Taddeo, “Ipercinema – l’immaginario cinematografico nell’era digitale”,

guerini, 2007.
*Il cinema, l’Arte nuova per eccellenza, sta cambiando.

AA.VV. “Arte dal novecento; modernismo, antimodernismo, postmodernismo”, Zanichelli, 2006
* Questo libro si distingue da altri volumi di storia dell’arte del 900’. Ci dà la misura di nuove metodologie critiche e usa una struttura innovativa per riordinarne l’interpretazione dell’Arte.

“Material World ” / “Material World 2, innovative materials for architecture and design”, frame publishers, Amsterdam + birkhauser, basel-Boston-Berlin-, 2006

Josef Albers “interazione dei colori”, il saggiatore, 2005

* Albers è un punto cardinale dell’Arte moderna. Ha influenzato tutti. Alla pari di Morandi e della sua idea di griglia nell’incisione, Albers ha introdotto il principio dell’interazione dei colori
che cambia il modo di vedere.
*Nuovi straordinari materiali in produzione, che portano a una sensibilità che smaterializza il reale.

Rosalind Krauss “Celibi”, Codice edizioni, 2004
*Uno studio, certo complesso, che evidenzia come la creatività femminile sia diversa da quella maschile.

Rudolf Steiner “l’essenza dei colori”, antroposofica editrice, 2003
* Al di là dall’accettare o no le idee dell’antroposofia, il libro è affascinante perché sviluppa un percorso del colore alternativo a quelli abituali.

Fabio Bonvicini “Incontri ravvicinati-interviste agli specialisti italiani del cinema digitale”, Lindau 2003.
*Al digitale e al virtuale come ci si arriva? Cambiando la mentalità.

Angela Vettese “ Artisti si diventa”, Carocci Editore, 2001*Il mestiere dell’artista analizzato in profondità con dati e tabelle.

Augusto Pieroni “ Leggere la fotografia”, Edup, 2000
* Un manuale veloce ed economico; un glossario ricco di definizioni tecniche e indirizzi web.

Luciano Fabro “ Arte torna Arte. Lezioni e conferenze” pbe Einaudi, 1999.
* Uno dei libri più importanti degli ultimi anni. Unico perché raccoglie le lezioni e gli interventi didattici di Luciano Fabro (1936-2007) artista tra i fondamentali del dopoguerra, che ha dedicato una parte importante della propria vita all’insegnamento. Anti accademico, ricco ma scritto senza tecnicismi, forse irritante ma proprio per questo colmo di rispetto per gli allievi.

Susan Talman “ The contemporary prints, from pre-pop to postmodern”, Thames & Hudson, 1996
* Uno studio esauriente sulla grafica contemporanea che descrive come, da subordinata, sia diventata centrale, con i suoi procedimenti, nella creatività contemporanea.

Germano Celant “OFFMEDIA – Nuove tecniche artistiche :video, disco, libro”,

Dedalo libri, 1977.
* Il primo studio che da un valore d’Arte ai nuovi media, tutti operanti nell’ambito della riproduzione e creatori di una matrice tecnologica.

lavori studenti 2017-2018 aula 1-PICCOLO 1,3 MB
maam biennio 2015 prof pace - leggera
lavori studenti aula 1 - 2015:2016 + 2016:2017
transformers - pixarprinting - MIT-2018 x sito accademia
lavori studenti 2017-2018 aula 1-PICCOLO 1,3 MB