Fedele, Ferdinando

Accademia di belle arti di Roma;

Programma del corso di grafica d’arte  per il biennio specialistico, I° e II° anno; 12cfa;

Anno accademico 2016/’17;

Prof. Ferdinando Fedele.

 

I° anno:

Cartella, libro d’artista, manifesto, stampa digitale.

La grafica d’arte di questo biennio specialistico comprenderà le tecniche del disegno e dell’incisione calcografica storica, sia con le tecniche dirette che indirette, l’intaglio manuale e fotomeccanico di matrici silografiche, l’utilizzo della stampa digitale e la serigrafia; nello specifico lo studente svilupperà un proprio personale progetto-proposta per la realizzazione di una delle tre possibilità di cui al titolo.

Tecniche: progettazione grafica del proprio progetto cartaceo con l’utilizzo delle tradizionali tecniche del disegno e al computer;

Le tecniche calcografiche per la realizzazione di matrici in zinco, rame, ottone ed altri supporti contemporanei, studiando e approfondendo le tecniche dirette: bulino, puntasecca e maniera nera; per le tecniche indirette invece l’acquaforte, l’acquatinta, la ceramolle, la maniera alla zucchero, la maniera pittorica e il carborundum.

 

II°anno;

Il secondo anno si studierà il processo della realizzazione (matrici e stampe) della quadricromia a mezzo della fotoincisione attraverso la scomposizione dei canali di photoshop.

L’esame finale consisterà nella presentazione di una cartella (progettata e realizzata dallo studente) contenente una o più stampe realizzate nel corso.

 

Bibliografia

 

Quaderno di documentazione 3- Il disegno di invenzione e di progetto; Istituto

poligrafico e zecca dello stato.

Quaderno di documentazione 4- Il bulino e la silografia; Istituto poligrafico e zecca

dello stato.

Quaderno di documentazione 5- L’acquaforte e la litografia, Istituto poligrafico e

zecca dello stato.

Renato Bruscaglia- Incisione calcografica e stampa originale d’arte; Ed. QuattroVenti.

Guido Strazza- Il gesto e il segno; Edizioni di Vanni Scheiwiller.

Lucio Passerini- Xilografia; il Castello.

 

Altre informazioni verranno date in corso d’opera in merito a specifiche esigenze individuali.

 

 

Roma, novembre 2016                                                                Prof. Ferdinando Fedele


Accademia di belle arti di Roma;

Programma del corso di grafica d’arte (per altri corsi) per il biennio specialistico 6cfa;

Anno accademico 2016/’17;

Prof. Ferdinando Fedele.

 

Il presente programma del corso di grafica d’arte (6cfa) è indirizzato a sostenere la progettualità messa in atto dal corso di indirizzo prescelto dallo studente di Pittura, Scultura, Decorazione ed altri ancora, principalmente, estendendolo alla specifica peculiarità linguistica della grafica.

I laboratori di grafica d’arte di questa accademia sono caratterizzati, nella sua storia e anche nella sua attualità, attrezzati per la stampa calcografica e per questo motivo gran parte della sua produzione in laboratorio, avviene con queste caratteristiche, mano solo; la progettualità prevede lo studio e la realizzazione delle tecniche grafiche che includono il disegno e i suoi derivati tecnici e linguistici, sia manualmente che al computer a seconda della natura del progetto e la conoscenza dello studente.

In ogni caso lo studente dovrà approfondire, attraverso lo studio anche teorico, la tecnica prescelta concordata col docente; queste possono essere:

per le tecniche calcografiche dirette:

la puntasecca, la maniera nera, il bulino;

per le tecniche calcografiche indirette:

l’acquaforte, l’acquatinta, la ceramolle, la maniera pittorica e le tecniche sperimentali.

I progetti inoltre possono prevedere l’inclusione della stampa digitale e della fotoincisione nonché delle tecniche silografiche e della stampa ‘alta’.

Lo studente inoltre concorderà col docente il tipo di prodotto con cui presentarsi all’esame e che potrà essere:

-Una cartella a fogli sciolti con un minimo di tre stampe tratte da tre differenti matrici;

-Un libro d’artista, rilegato e realizzato anche, oltre alle tecniche cosiddette tradizionali, con tecniche miste come la stampa digitale su carta, la fotoincisione e la xilografia o il linoleum o altro;

-Il manifesto;

-proiezioni.

 

Bibliografia;

 

Quaderno di documentazione 3- Il disegno di invenzione e di progetto; Istituto

poligrafico e zecca dello stato.

Quaderno di documentazione 4- Il bulino e la silografia; Istituto poligrafico e zecca

dello stato.

Quaderno di documentazione 5- L’acquaforte e la litografia, Istituto poligrafico e

zecca dello stato.

Renato Bruscaglia- Incisione calcografica e stampa originale d’arte; Ed. QuattroVenti.

Guido Strazza- Il gesto e il segno; Edizioni di Vanni Scheiwiller.

Lucio Passerini- Xilografia; il Castello.

 

 

Roma, novembre 2016                                                         F.to Prof. Ferdinando Fedele


Accademia di belle arti di Roma;

Programma del corso di Tecniche dell’incisione calcografica per il biennio specialistico, 6cfa;

Anno accademico 2016/’17;

Prof. Ferdinando Fedele.

Il presente corso verterà unicamente sulle tecniche calcografiche cioè tutto ciò che può essere scritto o diesgnato su una superficie rigida (generalmente metallo come rame, zinco, plastica, plexiglass o ottone) e dello spessore di max 2 mm atte ad essere sottoposte alla forte pressione di un torchio calcografico.

Lo studente dovrà perciò realizzare delle matrici sia secondo i canoni e le procedure dell’incisione diretta e indiretta, sia quelle contemporanee come la fotoincisione o le tecniche di sperimentazione.

Si tratta comunque di un percorso che vada a supportare il corso di indirizzo (grafica d’arte) ed ha come questi e per questi, la finalità espressiva, comunicativa e creativa.

Le tecniche che si acquisiranno saranno, fra le tecniche cosiddette ‘dirette’:

la puntasecca fissa o con trapani elettrici, la maniera nera, il bulino;

fra quelle cosiddette ‘indirette’ invece:

l’acquaforte, l’acquatinta, la ceramolle, la maniera allo zucchero, la maniera pittorica, il carborundum e la fotoincisione.

Qual che sia la tecnica prescelta, (che dovranno essere almeno tre), dovranno essere approfondite sia a livello pratico che teorico, così come lo studente sarà tenuto a conoscere la teoria di tutte le altre tecniche della grafica d’arte incisa.

Lo studente sarà ammesso all’esame con una cartella di elaborati cartacei.

Bibliografia;

Quaderno di documentazione 3- Il disegno di invenzione e di progetto; Istituto

poligrafico e zecca dello stato.

Quaderno di documentazione 4- Il bulino e la silografia; Istituto poligrafico e zecca

dello stato.

Quaderno di documentazione 5- L’acquaforte e la litografia, Istituto poligrafico e

zecca dello stato.

Renato Bruscaglia- Incisione calcografica e stampa originale d’arte; Ed. QuattroVenti.

Guido Strazza- Il gesto e il segno; Edizioni di Vanni Scheiwiller.

Lucio Passerini- Xilografia; il Castello.